• images/front_slide/ham_spirit.jpg
  • images/front_slide/prociv.jpg
  • images/front_slide/sperimentazione.jpg

Ministero dello Sviluppo Economico: Cambiano i nominativi OM

Stampa
Creato Martedì, 01 Aprile 2014

    
MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO


          
           Determina  334508  nuovi Nominativi  per OM


               ITI0AAA - ITY0AAA

<<   FOOL'S DAY  >>


Con il pensionamento del Dott.Leone, il Ministero ha reso pubblica la determina 334508  che riordina l'assegnazione dei nominativi ai Radioamatori Italiani, che già nel prossimo mese inizieranno a ricevere la comunicazione di cambio del proprio essendo obbligatorio...


In effetti la cosa che lascia perplessi i più,  oltre all'imperio del cambio , è che con questo atto il Ministero ha voluto chiudere definitivamente la polemica sulla assegnazione provvisoria dei nominativi per l'allora licenza speciale (IW)  uniformando non solo i successivi IKxxxx -  IZxxxx, ed attuali IUxxxx ma anche i bellissimi ed invidiabili Ixxx che negli anni sono diventati segno di rispetto di una categoria OM che ha visto l'inizio del radiantismo italiano.

L'assegnazione prevede la permutazione, dopo la sigla distintiva IT iniziale, delle lettere I - T -A - L - Y , il numero della regione come gli attuali e le successive tre lettere finali.
Quindi il primo nominativo assegnato, ad esempio in zona 0 sarà  ITI0AAA poi ITI0AAB  e così via fino alla permutazione della terza lettera
quindi ITT0AAA  poi ITT0AAB a seguire.

Nel caso che le permutazioni non bastassero per l'alto numero dei radioamatori italiani, la terza lettera potrà assumere in futuro le lettere in ordine alfabetico a partire da B.

Tutti saranno obbligati al cambio di Call, ma l'altra novità è che chi lo desidera potrà indicare il nominativo prescelto, mediante una richiesta in carta da bollo di euro 14,31 e un versamento di euro 121,46.
Per tutti gli altri il passaggio è senza oneri, a parte le spese di spedizione della lettera.

Numerosi i commenti critici di questa scelta, sia per l'esoso esborso e  per l'obbligo, sia  perchè non è chiaro se, come richiesto da molti OM ed Associazioni, venga modificata la pronuncia fonetica della lettera I in " ITALIA o ITALY " a livello non solo Italiano ma anche internazionale.

Per le attività che abbisognano di nominativi speciali , e per i sistemi automatici seguirà nuova determina al momento dell'insediamento del nuovo Direttore che ha già annunciato la sostituzione degli attuali  funzionari preposti al rilascio di tali atti. Il perchè forse non se lo chiedono in molti...

Una domanda si pone obbligatoria: ma chi l'ha proposto  questo scempio  e a che titolo se nessuno ne sà nulla?
Ovvio che ci opporremo a questa determina.
Vi terremo informati.

C.P.A.C.


 

© Content Copyright by C.I.S.A.R. 2012

Joomla 1.6 Templates designed by Joomla Hosting Reviews