• images/front_slide/ham_spirit.jpg
  • images/front_slide/prociv.jpg
  • images/front_slide/sperimentazione.jpg

Cisar e Regata Fùrlan

Stampa
Creato Domenica, 31 Marzo 2013

  

      CISAR e REGATA FURLAN

                    a volte far del bene....

                 >>> FOOL'S DAY<<<

 Dedicato al nostro Mauro IW3ROW  ed  alle  batterie  cinesi   
 

largemouthbassswimminghgclr1xc.gif

 Si è conclusa positivamente la vicenda accaduta nella edizione 2012 della famosa " Regata Fùrlan" che ha visto coinvolti la nostra associazione  ed un equipaggio del Team Spurtull-Beach presente in competizione alla stessa. Come ogni anno , il nostro caro Mauro IW3ROW assieme ad altri amici, erano incaricati dagli organizzatori dei collegamenti audio e video tra le barche e la regia della sala di controllo.

Venivano trasmessi anche dati, mediante le tecnologie Wi-Fi  e  D-Star a 1200 Mhz, riferiti alle telemetrie di funzionamento e quelli per i giudici di gara per i punteggi. Ovvio che tutto questo è stato  fatto per anni  in maniera perfetta e con professionalità , di volta in volta implementando quelle che erano le novità sviluppate e provate in ambiente CiSAR e non solo, sopratutto sempre gratis. Nel 2012 tutto si era rivelato perfetto come sempre, fino alle fine della gara, ove con   la barca del Team Spurtull-Beach in vantaggio, d'improvviso si è verificata l'esplosione e la presa fuoco di una batteria di alimentazione della trasmittente di bordo, appunto installata da Mauro e C. Il calore sviluppatesi, dopo poco ha  causato un foro nell'esile scafo causandone poi il successivo riempimento d'acqua con il relativo affondamento. Ovvio che l'equipaggio non ha subìto nessun danno fisico, ma la regata che era in loro mani ,purtroppo è andata persa.Da lì la richiesta di risarcimento danni nei confronti del CISAR, che pur non chiedendo nemmeno un piccolo rimborso per svolgere tale servizio, si è visto doversi difendere in tribunale. L'avvocato Alvaro De-Locchis, ha dimostrato la non intenzionalità, ma sopratutto la mancanza di sicurezza e di mezzi di soccorso, quali l'estintore, nella stessa imbarcazione, a causa di voler ridurre il peso complessivo, oltre all'esiguità dello spessore della carena, che di fatto era poco più di un foglio di carta. Il giudice accogliendo la tesi della difesa, ha motivato che in presenza di tali sicurezze, e con lo scafo diverso, la batteria non avrebbe causato questa situazione e che quindi il CISAR , nella figura di Mauro IW3ROW non doveva risarcire alcunchè. La sentenza è stata depositata agli atti, e qualora si verifichino situazioni analoghe, quelle cioè dove OM nello svolgimento di servizi , radioassistenze o similari, dovessero incorrere in questi problemi, possono tranquillamente richiederla. Paradosso ulteriore della vicenda è quello che la realizzazione della edizione 2013 è stata richiesta nuovamente ma con l'obbligo di una copertura assicurativa verso terzi,  ma il tutto, chiaramente sempre gratis...Che dite la vedranno in TV?
Ringraziamo Mauro della sua professionalità, purtroppo le batterie cinesi costano poco ma...

© Content Copyright by C.I.S.A.R. 2012

Joomla 1.6 Templates designed by Joomla Hosting Reviews